Tel. 011 8171407 segreteria@liceogioberti.it
Seleziona una pagina

Per entrambi gli indirizzi liceali

• Come avviene la formazione delle classi?

Per sorteggio, alla presenza di un genitore del Consiglio di Istituto, in modo tale da rendere le classi omogenee per livello di partenza e genere, cioè con uguale percentuale di studenti (maschi e femmine) che abbiano conseguito la licenza media con valutazione “10”, “9”, “8”, ecc.,

• Si può chiedere la sede o la succursale?

Nel modello di domanda c’è uno spazio disponibile, in cui si possono scrivere tutte le eventuali richieste. Resta, però, prioritaria la buona formazione delle classi e per ciò non viene garantita l’assegnazione richiesta. Tuttavia si considerano anche:

  • Effettivi e documentati problemi di trasporto verso l’una o l’altra sede
  • Sezione in cui è inserito fratello/sorella (su richiesta)

In ogni caso il criterio di formazione delle classi resta prioritariamente legato alle richieste formative espresse dall’utente e alle esigenze didattiche della scuola (ad esempio, scelta di una lingua straniera piuttosto che l’altra nell’indirizzo linguistico, oppure esigenze di distribuzione razionale degli allievi tra le due sedi).
Dopo la pubblicazione delle classi si possono ancora chiedere spostamenti e, se opportunamente motivati e possibili, si sarà accontentati, purché vi sia qualche altro allievo che chieda il passaggio inverso.

• Si può chiedere di stare con un amico?

Al momento del completamento dell’iscrizione, tra fine giugno e inizio luglio, si può compilare un modello, su cui esprimere le proprie richieste. E’ possibile quindi segnalare il nome di un amico (anche l’amico deve fare lo stesso) e, ferma restando l’omogeneità della classe, si può essere accontentati. Non è detto però che sia sempre un vantaggio: l’esperienza insegna che essere tutti “nuovi” in una classe facilita il crearsi di nuove amicizie.

• Quando sono pubblicati gli elenchi degli studenti e le rispettive classi?

A Settembre, poco prima dell’inizio dell’anno scolastico.

• Quali sono le differenze tra Sede e Succursale?

Sede e Succursale sono attrezzate allo stesso modo perché possano garantire la stessa offerta formativa. Molti docenti sono presenti in entrambe le sedi. I dipartimenti disciplinari sono comuni e perseguono gli stessi obiettivi didattico-educativi. Gli organi collegiali sono ovviamente unici. Le iniziative culturali sono comuni, rivolte indistintamente agli allievi di tutto il Liceo e svolte alternativamente in sede e succursale. 
In entrambe le sedi sono presenti laboratori e palestre, dotati delle medesime attrezzature, e tutte le aule dispongono di LIM. La Sede ospita circa 800 studenti, la Succursale circa 500.
Per ragioni strutturali, nelle aule della Succursale è inserito mediamente un numero inferiore di allievi per classe.

• Perché si è scelto di potenziare l'insegnamento della matematica?

Si vuole offrire ai nostri studenti in uscita una preparazione il più possibile completa, sia nell’ambito umanistico-linguistico, sia in quello scientifico: d’altra parte, nel corso degli anni, abbiamo verificato che i nostri studenti (provenienti sia dall’uno, sia dall’altro indirizzo) si iscrivono ad ogni tipo di facoltà. Ad esempio, non sono molti gli studenti del linguistico che si iscrivono a Lingue, né quelli del classico che si iscrivono a Lettere Classiche, come reso evidente dalle ultime indagini sugli studenti diplomati nel 2012/13.

• Come viene utilizzato l'"organico funzionale" previsto dalla "Buona scuola"?

Il Liceo ha svolto negli scorsi anni, partendo dai quadri orario definiti dal D.P.R. n. 89/2010, un importante percorso volto a ridefinire l’offerta formativa, attraverso il Regolamento DPR 275/97, con la modifica della durata delle lezioni e dei quadri orario in entrambi gli indirizzi di studio attivi, arrivando ad incrementare sia gli insegnamenti dell’area scientifica nel liceo classico sia quelli della lingua, della letteratura latina e della matematica nel linguistico.
Gli obiettivi di questo intervento sono rappresentati dall’esigenza di rendere la preparazione in uscita dal Liceo delle studentesse e degli studenti adeguata ad ogni scelta universitaria.
L’attribuzione di una quota aggiuntiva di organico, attraverso il cosiddetto “organico funzionale”, ci ha consentito di consolidare questo modello formativo,  ridurre  le difficoltà organizzative, potenziare e diversificare le attività di recupero e  integrare a pieno titolo  i nuovi colleghi:  tutti i docenti, infatti, sono impegnati  indistintamente nelle diverse attività, in base alle esigenze dell’offerta formativa e alle loro competenze.

• Quali sono i progetti di ampliamento dell'offerta formativa presenti nell'Istituto?

Il nostro Liceo offre un ampio ventaglio di progetti curricolari ed extra-curricolari, che non si configurano come singole iniziative estemporanee, ma presentano una riconoscibile coerenza d’insieme. Si possono individuare quattro macro-aree (teatro; insegnamento delle lingue; educazione al dibattito e al confronto; progetti scientifici) a cui afferiscono le diverse iniziative, con le quali si intende consolidare e approfondire la già ampia preparazione che gli studenti acquisiscono attraverso lo studio curricolare.

• Cosa si fa al Gioberti per educare ai principi di cittadinanza?

Innanzi tutto al Gioberti tutte le attività di insegnamento/apprendimento sono orientate all’acquisizione da parte degli studenti delle competenze chiave e di cittadinanza indicate nel POF Triennale (cfr). Inoltre si possono praticare varie attività che espressamente fanno riferimento al principio della cittadinanza attiva. Tra queste, ad esempio, ci sono attività quali:

  • la “Debating Society”, a cura di docenti di lingua e cultura inglese e americana;
  • il “TOMUN” (Turin Model United Nations Parliament), a cura di docenti di lingua e cultura inglese;
  • la “Palestra di botta e risposta”, con partecipazione al Torneo Nazionale di Botta e Risposta, a cura dei docenti di storia e filosofia;
  • “Il Piacere della Disputa”, a cura  dei docenti di storia e filosofia e della Biblioteca provinciale di filosofia “Tommaso d’Aquino”;
  • Attività di dibattito, a cura dei docenti di storia e filosofia, su vari temi nell’ambito della Biennale di Democrazia;
  • il PEG (Parlamento Europeo dei Giovani – European Youth Parliament), a cura dei docenti di lingua e cultura inglese, che prevede la redazione di una risoluzione di legge in lingua italiana e inglese su un tema legato alle istituzioni comunitarie europee, con partecipazioni a selezioni nazionali e internazionali. Nel 2016 un gruppo di studenti del Gioberti ha partecipato con successo alla fase internazionale 
• In che cosa consiste il progetto Parlamento Europeo Giovani (PEG), cui partecipa il Liceo Gioberti?

Si tratta di una proposta elettiva che il Liceo Gioberti rivolge ai suoi studenti del terzo e quarto anno di entrambi gli indirizzi, interessati a partecipare alle procedure di preselezione del concorso  dell’associazione PEG.  Per tale preselezione si richiede la redazione di una risoluzione di legge in lingua italiana e inglese, su un tema legato alle istituzioni comunitarie europee. Il lavoro è  monitorato dai docenti interni responsabili del progetto e si sviluppa anche attraverso incontri con esperti della materia oggetto della risoluzione.  Il superamento della preselezione consente la partecipazione di un gruppo di sei studenti a una sessione nazionale del PEG, di circa 5 giorni, in primavera e, infine, il superamento della selezione nazionale dà accesso, per uno o più studenti, ad una sessione internazionale nell’estate/autunno dell’annualità seguente.

• Quanto sono impegnativi i corsi extracurricolari?

Sono organizzati per “pacchetti” di ore, ad es. 1 ora e mezza settimanale per 2 mesi, ecc. Questo spiega perché gli allievi possono seguire più di un corso. Le lezioni pomeridiane iniziano non più di mezz’ora dopo la fine di quelle del mattino, in modo da contenere il tempo di permanenza a scuola e perciò garantire anche lo studio individuale delle materie curricolari.

• L'Istituto offre la possibilità di partecipare a viaggi d'istruzione, soggiorni e scambi?

Il nostro Istituto tradizionalmente organizza, compatibilmente con le risorse di personale presenti e disponibili nell’a.s., viaggi d’istruzione, soggiorni-studio e scambi linguistici, finalizzati ad integrare l’offerta formativa. Recentemente si sta cercando, per entrambi gli indirizzi, di potenziare i progetti di scambio, spesso più economici e culturalmente aggreganti rispetto al consueto viaggio di istruzione.

• E' possibile trascorrere un anno di studio all'estero?

Secondo la normativa vigente, è possibile trascorrere un periodo di studio all’estero, da un mese fino all’ intero anno scolastico.  In genere le richieste si concentrano soprattutto durante il quarto anno. L’organizzazione del viaggio è di competenza della famiglia che, informato  il Consiglio di Classe nel corso dell’anno scolastico precedente all’esperienza all’estero, riceve dallo stesso un parere motivato sull’opportunità di tale esperienza e sulla durata. Poiché tradizionalmente un discreto numero di nostri allievi trascorre un periodo di studio all’estero, e un numero altrettanto nutrito di studenti stranieri è ogni anno nostro ospite,  il Liceo “Gioberti” ha un docente referente che si occupa di offrire consulenza agli studenti e alle loro  famiglie, e di organizzare l’accoglienza degli studenti stranieri ospitati. I singoli consigli di classe, inoltre, forniscono in tempo utile allo studente in uscita i programmi disciplinari relativi alle materie curricolari, con un’indicazione sui contenuti che si ritengono essenziali, e si mantengono in contatto con lo stesso durante il periodo di assenza dal nostro Istituto.

• Come si possono recuperare le carenze e superare le difficoltà durante l'anno scolastico?

Il liceo Gioberti offre strumenti e occasioni diversificate e distribuite nel corso dell’anno ai propri studenti, per sostenerli  in un percorso di recupero delle difficoltà e delle carenze eventualmente emerse, fin dalle prime settimane di scuola:

  • Attività/corsi di riallineamento (settembre/ottobre ) sui prerequisiti grammaticali italiani e sulle conoscenze e competenze di base di inglese e matematica
  • Settimana specificamente dedicata da ciascun Consiglio di Classe al recupero, nel corso dell’anno scolastico
  • Corsi di recupero in orario extracurricolare (fine mattina o primo pomeriggio)
  • Tutoraggio (consulenza sul metodo di studio e sostegno nello studio e nei compiti) dedicato agli studenti dei primi anni che ne fanno richiesta, da parte di studenti del triennio
  • “Compiti insieme”, attività di doposcuola rivolta a Studentesse e Studenti del Liceo e affidata a un gruppo di ex allievi ora impegnati presso differenti indirizzi universitari, due pomeriggi alla settimana.

Viene inoltre dedicata una particolare attenzione al metodo di studio e di lavoro di ciascuna disciplina nelle ore curricolari all’inizio del biennio, per favorire l’omogeneità del gruppo classe ed un clima sereno di collaborazione e di impegno al suo interno

• Quali iniziative propone il Liceo Gioberti per l'Alternanza Scuola Lavoro (ASL)?

Dal 2015/16, la progettazione e lo svolgimento delle attività di ASL presso il Gioberti hanno sfruttato l’esperienza acquisita negli anni precedenti con l’organizzazione di stage e tirocini estivi per gli studenti del quarto anno.
Le attività di ASL

  • sono finalizzate a far acquisire agli studenti prevalentemente competenze chiave e di cittadinanza, piuttosto che competenze professionalizzanti;
  • sono progettate per quanto possibile con una proiezione triennale: nel primo anno (terza annualità) un avvicinamento al tema o alla materia trattata, nel secondo anno (quarta annualità) uno svolgimento ampio dell’attività e nell’ultimo uno stretto collegamento con l’orientamento universitario;
  • nel primo anno si rivolgono prevalentemente all’intero gruppo classe, successivamente cercano di promuovere interessi e orientamenti personali;
  • valorizzano anche alcune attività complementari svolte dagli studenti all’interno del Liceo, in qualità di collaborazione alla collettività del Gioberti (peer-tutoring, peer-education, orientamento in ingresso, riordino della biblioteca e delle attrezzature dei laboratori, monitoraggio degli esiti a distanza degli ex studenti, collaborazione alle attività sportive, ecc.);

E’ attivo inoltre un “Ufficio Volontariato del Gioberti” per esaminare l’eventuale riconoscimento di attività esterne di volontariato anche ai fini dell’ASL.
L’elenco dei progetti attivi è annualmente pubblicato sulla pagina web del Liceo.

• Quali sono le scelte universitarie degli studenti del Gioberti?

Da una ricerca interna, effettuata nella primavera 2016 sui diplomati dell’anno 2012/13, risulta che
tra i 141 intervistati sui 178 diplomati (79%):

  • il 37,5% dei diplomati frequenta una facoltà a carattere umanistico
  • il 59,8% dei diplomati frequenta una facoltà a carattere scientifico

E’ noto che un numero sempre crescente di studenti, tanto del classico che del linguistico, prosegue il proprio percorso universitario all’estero, in particolare negli altri paesi europei.
Qui sotto qualche dato sui nostri studenti diplomati.

ESITO ESAMI DI STATO
Classico e Linguistico – Confronto tra a.s. 2014-15 e a.s. 2015-16


 

 I percorsi universitari

(Diplomati a.s.2012-13 classico e linguistico- indagine primavera 2016)

 

 

 

 

Facoltà a carattere umanistico per indirizzo (%)

Facoltà a carattere scientifico per indirizzo (%)

Per il Liceo Classico

• Perché potenziare la Matematica in un Liceo Classico?

Perché si vuole offrire ai nostri studenti in uscita una preparazione completa, sia nel settore umanistico-linguistico, sia in quello scientifico. Inoltre l’incremento orario consente agli studenti di consolidare le proprie conoscenze e recuperare eventuali lacune pregresse e ai docenti di potenziare le attività di laboratorio e favorire i collegamenti interdisciplinari. Nel corso degli anni abbiamo verificato che i nostri studenti si iscrivono ad ogni tipo di facoltà.

• Perché si è scelto di approfondire lo studio delle scienze al terzo anno del Liceo Classico?

Il programma di Scienze del terzo anno prevede di affrontare i concetti e i saper fare fondanti della Chimica generale e inorganica. Si è quindi pensato che, proprio in questo anno, fosse necessario un ampliamento delle ore di Scienze per riuscire a sviluppare meglio, anche attraverso una disciplina così analitica e rigorosa, la didattica laboratoriale, caratteristica di tutto il percorso naturalistico del quinquennio al fine di stimolare le capacità osservative e l’abilità nella raccolta dati.
La programmazione basata sull’utilizzo del laboratorio, rivolta a tutti gli studenti, caratterizza da parecchi anni l’insegnamento delle Scienze naturali del nostro liceo ed è supportata anche da progetti specifici del POF d’Istituto.

• In che cosa consiste l'ampliamento delle offerte nelle discipline scientifiche e quali sono i vantaggi?

Quadro orario del liceo classico potenziato:

  Totale ore settimanali
1° anno 2° anno 3° anno 4° anno 5° anno
Matematica 3 4 2 3 3
Scienze 2 2 3 2 2
• Vengono offerti agli studenti della scuola media corsi di avvicinamento alle lingue classiche?

Vengono attivati corsi di avvicinamento al greco in periodi diversi: quello di dicembre ha carattere orientativo, aperto a tutti, per “togliere” la paura della lingua greca e aiutare gli studenti nella scelta; il corso di marzo è riservato agli studenti che si sono iscritti e costituisce una prima fase di accoglienza e di primo contatto con docenti, metodi e luoghi.

• Gli studenti dell'indirizzo classico possono studiare altre lingue straniere oltre all'inglese curricolare?

Gli allievi dell’indirizzo classico possono seguire corsi pomeridiani di lingua tedesca, francese o spagnola, tenuti dai docenti che operano nel liceo linguistico, di livello base o avanzato, qualora lo richieda un gruppo di studenti sufficiente a formare un corso (circa 10 studenti).
I corsi si svolgono nel pomeriggio, a partire dalle 14:30, possono avere durata di 20, 30 o 40 ore annue e sono finalizzati al conseguimento delle certificazioni.
I costi dei corsi variano fra i 60 e i 120 euro a seconda del numero di ore previste.

Per il Liceo Linguistico

• Lo studio della seconda o terza lingua parte da un livello per principianti?
Lo studio della seconda o terza lingua si incomincia dalle nozioni di base, pur tenendo conto dell’effettiva situazione di partenza delle classi, cioè delle reali conoscenze e competenze già acquisite nella scuola media.
• Perché potenziare il Latino per quattro anni?

Il Latino nell’indirizzo linguistico rappresenta una tradizione ormai consolidata nel nostro Istituto e contribuisce a garantire il carattere spiccatamente liceale della preparazione che intendiamo offrire ai nostri studenti, fondamentale per il proseguimento degli studi sia in facoltà umanistiche, sia in quelle scientifiche.
Lo studio del latino nel Liceo linguistico risulta particolarmente utile per i seguenti motivi:

  • acquisire l’abitudine a dominare la complessità (tradurre da una lingua antica significa imparare a scegliere attraverso complesse operazioni mentali)
  • capire come funziona una lingua e, quindi, imparare a controllare sapientemente i meccanismi della comunicazione (lo studio delle lingue cosiddette “morte” e, come tali, “indeformabili” permette l’analisi approfondita delle strutture sintattiche delle lingue europee moderne, facilitandone l’apprendimento)
  • migliorare la propria capacità comunicativa (lo “sforzo” della traduzione è il miglior antidoto contro l’italiano “povero”).
• Perché il curriculum del Liceo Linguistico prevede un'ora in più di Matematica all'ultimo anno?

Quadro orario del liceo linguistico potenziato:

  Totale ore settimanali
1° anno 2° anno 3° anno 4° anno 5° anno
Matematica 3 3 2 2 3

Al liceo linguistico l’ampliamento dello studio della Matematica riguarda l’ultimo anno. In particolare l’ora in più in quinta facilita l’apprendimento di argomenti propedeutici all’accesso alle diverse facoltà universitarie.

Se non avete trovato la risposta che cercavate, scrivete a orientamento@liceogioberti.it
Oppure telefonate chiedendo dei seguenti docenti:
Prof.ssa Maggi, Prof.ssa Biancotti, Prof.ssa Valero – Sede 0118171407
Prof.ssa Mazzoleni – Succursale  011882701

Font size
Colors